Telefono: +39 045 6201668 Lun - Giov: 8:00 - 17:30
Venerdì: 8:00 - 17:00

Airgoclean105s

Durante i lavori di rinnovo possono essere rilasciate delle sostanze che suscitano disturbi legati a un’allergia o che possono addirittura aumentare la sensibilità di altre reazioni di ipersensibilità. Poiché alcune sostanze non scatenano soltanto reazioni allergiche ma sono altresì dannose per la salute, durante i lavori di rinnovo è importante che chi soffre di allergie, così come tutti gli hobbisti e professionisti, si protegga di conseguenza. A questo proposito abbiamo raccolto una serie di consigli utili…

Consiglio n. 1: Lavori preparatori necessari

Spesso si tratta di dover rinnovare solo una stanza mentre gli altri locali possono continuare ad essere abitati. In questo caso accertatevi che non penetri polvere nelle altre stanze. Per semplificare le cose è sufficiente appendere delle lenzuola umide sulle aperture delle porte o ricoprire le aperture con della pellicola lasciando aperto solo un piccolo varco per consentire il passaggio. Gli spiragli delle porte possono essere chiusi con delle coperte. Per evitare che le sostanze liberate si insinuino nella camera da letto si consiglia di tendere un’altra pellicola davanti alla camera stessa. L’impiego di un depuratore d’aria inoltre si è dimostrato estremamente valido, come ad esempio l’AirgoClean 105 S. Il suo vantaggio: anche dopo il rinnovo continua a mantenere l’aria pulita e salubre.

Un’indicazione importante: particolari rischi per la salute, fino ad effetti cancerogeni incalcolabili che possono emergere durante il rinnovo di oggetti contaminati da muffa e amianto. Per tale ragione, durante il risanamento da muffa e amianto deve essere assolutamente incaricata un’azienda specializzata.

Consiglio n. 2: Rimozione di vecchie tappezzerie

Proprio per chi soffre di allergie, la rimozione di vecchie tappezzerie e rivestimenti di pavimenti si rivela un intervento piuttosto delicato durante il quale le sostanze nocive vengono rilasciate nell’aria ed entrano in contatto con la pelle. Pertanto, prima di cominciare con la rimozione, le tappezzerie devono essere bagnate con una quantità sufficiente d’acqua in modo da poter essere staccate più facilmente dalle pareti rilasciando meno polvere nell’aria. Visto che le spore di muffa sulla tappezzeria non si lasciano intravedere facilmente ad occhio nudo, durante tali interventi si raccomanda caldamente a chi soffre di allergie di indossare filtri di protezione delle vie respiratorie (filtro antiparticolato) in grado di proteggere da queste sostanze. A chi soffre di allergie da contatto si consiglia di indossare anche una tuta protettiva in modo da evitare che la polvere si depositi sulla pelle.

Consiglio n. 3: Rimozione di vecchie vernici

Anche per la rimozione delle vernici a dispersione, considerate in realtà innocue, consigliamo di indossare un filtro di protezione delle vie respiratorie. Le vernici a dispersione infatti sono spesso mischiate con sostanze come l’isotiazolinone che funge da agente conservante e che non dovrebbe essere inalato.
Se volete carteggiare la vernice dai mobili è preferibile farlo all’aria aperta. Per gli oggetti in legno nelle zone interne è possibile rimuovere la vernice anche utilizzando ad esempio un coltello, senza creare un eccessivo accumulo di polvere nell’aria. Anche durante questi lavori bisogna indossare sempre una maschera di protezione delle vie respiratorie. E se avete intenzione di ripulire gli oggetti di legno con dei solventi è necessario indossare anche occhiali e indumenti protettivi, guanti compresi, poiché la soluzione caustica potrebbe causare bruciore agli occhi e alla pelle.

Consiglio n. 4: Rimozione di vecchi rivestimenti di pavimenti

Anche per la rimozione di vecchi rivestimenti di pavimenti è opportuno dotarsi di indumenti protettivi e maschera respiratoria. Passate l’aspirapolvere sui tappeti e inumiditeli prima di staccarli dal pavimento: in questo modo eviterete di sollevare polvere nell’aria. Da non dimenticare per chi soffre di allergie di rimuovere assolutamente anche i residui adesivi dal pavimento. Le tappezzerie, le vernici, le sostanze adesive e i residui di tappeti staccati devono essere rimossi al più presto dalle stanze per impedire che continuino a rilasciare nell’ambiente le sostanze allergeniche. Se volete levigare il pavimento, utilizzate assolutamente una rettificatrice con sacchetto catturapolvere.

Consiglio n. 5: La scelta giusta di vernici, tappezzerie e rivestimenti di pavimenti

Quando è il momento di scegliere nuove vernici, tappezzerie e rivestimenti di pavimenti, chi soffre di allergie principalmente deve accertarsi di scegliere materiali sicuri per la salute. Tali materiali quindi non devono contenere né solventi né resine. Eppure in alcuni casi anche le vernici e altri materiali in gran parte naturali e rispettosi dell’ambiente possono contenere sostanze in grado di scatenare o intensificare le reazioni allergiche. Di norma i prodotti che recano il marchio di qualità ecologica Blauer Engel (Angelo Blu) non sono dannosi per la salute. Altrimenti, per la scelta delle vernici e delle tappezzerie potete affidarvi al sigillo di qualità TÜV “Adatto agli allergici”.

Per chi soffre di allergie, l’alternativa ideale alle tappezzerie che contengono materiali sintetici e agenti di conservazione, è la carta da parati ruvida oppure la semplice carta da tappezzeria. In seguito all’applicazione della tappezzeria o alla verniciatura delle pareti è necessario riscaldare le stanze in modo adeguato per garantire una perfetta essiccazione. Infine, sarà necessario ventilare bene le stanze per favorire l’esalazione degli agenti chimici e degli odori.

Anche per quel che riguarda la scelta dei rivestimenti di pavimenti adeguati è importante che gli allergici riflettano bene sul da farsi. Per chi è allergico alle polveri domestiche, i pavimenti levigati e lavabili sono consigliabili solo se si ha la possibilità di lavarli almeno ogni due giorni. Per gli allergici che preferiscono i tappeti, prima dell’acquisto è importante assicurarsi che non siano stati trattati con un prodotto antitarme o con altre sostanze nocive per la salute.

Consiglio n. 6: La scelta giusta dei mobili nuovi

Quando vi apprestate all’acquisto di mobili nuovi, accertatevi che i pannelli di truciolato non contengano sostanze nocive per la salute come la formaldeide. Questa sostanza può essere riconosciuta facilmente dal suo odore penetrante annusando il materiale. Se questo test risulta positivo, è meglio lasciar perdere l’acquisto. Questo agente chimico infatti non disturba soltanto le vie respiratorie, ma è anche cancerogeno.

Consiglio n. 7: Depuratore d’aria AirgoClean 105 S – Il vostro partner professionale per il rinnovo

Per chi soffre di allergie ma non vuole rinunciare a rinnovare personalmente la propria abitazione, l’impiego di un depuratore d’aria professionale è una scelta assolutamente consigliata. Il depuratore d’aria AirgoClean 105 S depura l’aria di uffici, abitazioni e camere da letto in modo efficiente e completamente automatico, liberandola dal mix nocivo di polvere domestica, pollini, allergeni e peli animali.

ll depuratore d’aria AirgoClean 105 S è adesso disponibile a soli 179,95 € anziché 366,00 € IVA inclusa – visitate subito il sito del produttore Trotec24.it!

Questo articolo è stato pubblicato in TROTEC, Salute, Casa & Fai-da-te e taggato , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

  • Scoprine di più

  • Archivio

Top Keywords for http://www.trotec-blog.com/it/trotec/dedicarsi-ai-lavori-di-rinnovo-nonostante-le-allergie/